Problemi del cactus del Saguaro - Trattando la necrosi batterica in Saguaro


Il Saguaro è uno dei più maestosi e statuari dei cactus. Sono anche vittime di una brutta infezione chiamata necrosi batterica del saguaro. Cos'è la necrosi batterica? Se sai cos'è la necrosi, puoi dire con il nome che questa malattia è semplicemente una condizione che fa marcire i tessuti della pianta. È una malattia puzzolente, potenzialmente pericolosa per la vita, con alcune pratiche di controllo difficili. L'importanza di individuare e iniziare il trattamento non può essere sottolineata, poiché la pianta può vivere per qualche tempo con piccole macchie della malattia, ma alla fine soccombere se non trattata.

Cos'è la necrosi batterica?

Il cactus Saguaro può vivere per 200 anni e crescere fino a 60 piedi di altezza. Questi mostruosi abitanti del deserto sembrano imponenti e impervi, ma possono essere abbattuti da un batterio minuscolo. La necrosi dei cactus del Saguaro può invadere la pianta in diversi modi. Alla fine crea tasche necrotiche nella carne che si diffonderanno. Queste aree necrotiche sono un tessuto vegetale morto e, se non controllate, possono infine uccidere queste piante regali. Trattare la necrosi batterica nel saguaro nelle prime fasi può dare alla pianta una probabilità di sopravvivenza dell'80%.

I problemi al cactus del Saguaro sono rari, in quanto questi pungenti giganti hanno sviluppato metodi di protezione dai predatori e sono notevolmente adattabili a una varietà di condizioni sfavorevoli. La necrosi del cactus del Saguaro inizia come macchie scure nella carne, che è morbida e maleodorante. Alla fine, la malattia progredisce fino alle lesioni marcite che emanano un liquido scuro e maleodorante.

La necrosi dei cactus del Saguaro può anche trasformarsi in una chiazza di sughero dove la pianta sta cercando di guarire se stessa. Qualsiasi violazione della zona tappata rilascerà i batteri e infetterà più della pianta. Il cattivo è un batterio chiamato Erwinia . Può entrare nella pianta da qualsiasi ferita e persino dalle attività di alimentazione di una falena. I batteri sopravvivono anche nel terreno fino a quando non trova una vittima.

Trattare la necrosi batterica in Saguaro

La necrosi batterica del trattamento del saguaro è principalmente manuale, in quanto non ci sono sostanze chimiche approvate per combattere i batteri. Il materiale infetto deve essere rimosso dalla pianta e l'area pulita per prevenire la diffusione della malattia. Il materiale infetto deve essere distrutto e non aggiunto al contenitore del compost. Tuttavia, fare immediatamente "un intervento chirurgico" sulla vostra pianta può o meno salvarlo, poiché i batteri vivono nel terreno o in una pianta morta sul terreno.

Qualsiasi lesione futura o addirittura il tunneling delle larve nella pianta lo lascerà aperto alla re-infezione. Dovresti trattare il processo come un intervento chirurgico e prepararti sterilizzando tutti gli strumenti che userai e armati di guanti pesanti per evitare di rimanere bloccati dalle spine della pianta.

I problemi del cactus del Saguaro da necrosi batterica cominciano con le ferite aperte e stillanti. Avrai bisogno di un coltello affilato e pulito per tagliare l'area. Asportare almeno ½ pollice del tessuto sano circostante. Come si taglia, immergere il coltello in una soluzione in rapporto 1: 9 di candeggina e acqua per igienizzare tra i tagli. Mentre esegui i tagli, inclinali in modo che l'acqua esca dal cactus.

Risciacquare il buco che hai fatto con la soluzione di candeggina per uccidere tutti gli agenti patogeni rimasti. Il buco deve rimanere aperto all'aria per asciugarsi e callo naturalmente. Nella maggior parte dei casi, il cactus andrà bene a condizione che i batteri non vengano reintrodotti. In rari casi, un cactus è stato interamente fasciato dalla malattia e, purtroppo, la pianta deve essere rimossa e distrutta. Questo di solito accade solo su grandi piantagioni o in natura dove l'occhio acuto del giardiniere non è consapevole di potenziali problemi.

Articolo Precedente:
Chi può resistere alle annuali di primavera. Sono spesso le prime piante da fiore nel giardino. Il tempo di ultima gelata e robustezza sono aspetti importanti quando si sceglie la zona 7 fiori annuali. Una volta che i dettagli sono ordinati, è tempo di divertirsi. L'unione di colori e trame rende i giardini e le aiuole particolarmente attraenti con le annuali della zona 7.
Raccomandato
Il pachysandra giapponese è una pianta di copertura del suolo, spesso utilizzata dai giardinieri in zone troppo ombreggiate per permettere all'erba di crescere. Quando la pianta è stressata da troppa acqua sulle foglie o da poca acqua da bere, è soggetta a determinate malattie infettive, tra cui pachysandra Volutella blight ( Volutella pachysandrae ). C
Con decine di usi in cucina, l'origano è una pianta essenziale per i giardini di erbe aromatiche. Questa erba mediterranea è facile da coltivare nella giusta posizione. Piantala in pieno sole in una zona con buona circolazione d'aria e terreno ben drenato per ridurre al minimo i problemi dell'origano.
I lillà sono i migliori interpreti quando si tratta di fiorire. Sviluppano gemme in autunno che svernano e scoppiano a colori e profumi in primavera. I congelamenti invernali possono danneggiare alcune varietà teneri, ma la maggior parte delle cultivar di lillà sono resistenti alle zone 4 o addirittura 3. d
Le cose buone arrivano a quei coltivatori di avocado che aspettano, almeno, è più o meno come si suol dire. Per quanto riguarda la raccolta e la manipolazione di avocado dopo il raccolto, molti coltivatori di avocado ottengono molto più sorprese di quanto si aspettassero quando scoprono antracnosi di avocado che coprono la loro generosità. Co
Preoccupazioni per le emissioni, i pesticidi, gli erbicidi e altri effetti chimici sul nostro pianeta hanno portato molti di noi a contemplare le opzioni più amichevoli della terra per governare i nostri paesaggi. Un'alternativa carina e sicura a molti dei nostri trattamenti chimici e alimentati sta usando le capre per il controllo delle infestanti.
L'Agapanthus è una tenera pianta erbacea dalla fioritura straordinaria. Conosciuto anche come Giglio del Nilo, la pianta sorge da spesse radici tuberose e proviene dal Sud Africa. In quanto tali, sono resistenti alle zone 9-11 dell'Amministrazione del Dipartimento degli Stati Uniti. Per la maggior parte di noi, questo significa che la cura invernale per l'agapanto può richiedere il sollevamento dei tuberi e la loro conservazione.