Cos'è un pesticida sistemico: uso di insetticidi sistemici nei giardini


Se hai mai sentito il termine "pesticida sistemico", potresti esserti chiesto cosa significhi. Questa è in realtà una cosa importante da sapere per prevenire i rischi accidentali in giardino. È anche importante sapere come usare un insetticida sistemico se tale uso è giustificato.

Cos'è un pesticida sistemico?

Un pesticida sistemico è un qualsiasi pesticida che viene assorbito in una pianta e distribuito attraverso i suoi tessuti, raggiungendo il fusto, le foglie, le radici e qualsiasi frutto o fiore della pianta. I pesticidi sistemici sono solubili in acqua, quindi si muovono facilmente in tutta la pianta mentre assorbe l'acqua e la trasporta nei suoi tessuti.

Tipicamente, queste sostanze chimiche sono applicate al suolo e assorbite attraverso le radici delle piante; meno comunemente, vengono applicati al fogliame o iniettati nei tronchi degli alberi.

Gli insetticidi sistemici sono specificamente quelli che colpiscono gli insetti. Alcuni degli insetticidi sistemici più comunemente usati sono i neonicotinoidi. Questi sono un gruppo di insetticidi che interferiscono con i sistemi nervosi degli insetti.

Sono anche in uso erbicidi sistemici (diserbanti), fungicidi (che fungono da funghi bersaglio) e nematicidi (assassini dei nematodi).

I pesticidi sistemici sono sicuri?

Gli insetticidi sistemici non possono essere lavati da una pianta dopo essere stati assorbiti, poiché sono all'interno dei tessuti della pianta, comprese le parti che mangiamo come frutta o verdura. Poiché i pesticidi sistemici sono solubili in acqua, possono essere facilmente lavati via dal sito di applicazione se piove prima che le piante li assorbano. Poi possono scappare in un vicino specchio d'acqua o in un'area naturale.

Un gruppo di insetticidi sistemici, i neonicotinoidi, è sospettato di avvelenare le api e altri insetti utili: queste sostanze chimiche entrano nel polline che le api raccolgono, e possono essere trovate anche nel nettare. È molto importante per gli applicatori capire come utilizzare correttamente un insetticida sistemico e adottare misure per proteggere gli impollinatori e altre specie non bersaglio.

In alcuni casi, un pesticida sistemico è più sicuro per l'ambiente rispetto a un antiparassitario non sistemico. Ad esempio, gli insetticidi sistemici utilizzati per il controllo dei parassiti degli alberi, tra cui il piralide smeraldo, vengono iniettati nel tronco o applicati al suolo per l'assorbimento da parte delle radici dell'albero. Meno della sostanza chimica finisce per andare alla deriva su altre piante o per contattare gli insetti non bersaglio piuttosto che se si spruzzassero sostanze chimiche non sistemiche.

Inoltre, i prodotti chimici sistemici sono più efficaci nel mirare determinati parassiti, che possono consentire applicazioni meno frequenti o volumi inferiori rispetto a quelli che sarebbero necessari con un pesticida non sistemico.

Tuttavia, i metodi di controllo dei parassiti non chimici sono di solito i più sicuri. Questi includono strategie di gestione integrata dei parassiti (IPM) e molte delle strategie sviluppate per l'agricoltura biologica e il giardinaggio. Le strategie non chimiche sono una scelta migliore per proteggere gli impollinatori e altri insetti utili.

Insetticidi sistemici nei giardini

Gli insetticidi più comuni utilizzati nei giardini domestici sono non sistemici. La maggior parte dei sistemi sistemici sono approvati solo per l'uso nell'agricoltura commerciale o nell'orticoltura, mentre alcuni devono essere applicati da applicatori di pesticidi addestrati professionalmente. Recentemente, i prodotti di insetticida sistemici sono diventati disponibili per la vendita ai giardinieri domestici in alcune località.

Quando si utilizzano pesticidi sistemici in un orto domestico, è necessario prestare la massima attenzione, specialmente su frutta e verdura, e se possibile è meglio scegliere un'altra strategia di controllo dei parassiti. Se usi uno di questi prodotti, assicurati di usarlo solo su impianti per i quali è stato approvato. Quando si utilizzano insetticidi sistemici, è essenziale seguire le istruzioni riportate sull'etichetta per quanto riguarda quando e come applicare.

Articolo Precedente:
Per molti anni, a coloro che piantavano gli alberelli veniva insegnato che picchettare un albero dopo la semina era essenziale. Questo consiglio era basato sull'idea che un albero giovane aveva bisogno di aiuto per resistere ai venti. Ma gli esperti di alberi ci consigliano oggi che il picchettamento degli alberi dopo la piantatura può e spesso fa più danno a un albero.
Raccomandato
Le piante carnivore sono infinitamente affascinanti. Una di queste piante, la Venere acchiappamosca, o Dionaea muscipula , è originaria delle zone paludose della Carolina del Nord e del Sud. Mentre il flytrap fotosintizza e nutre i nutrienti dal terreno proprio come le altre piante, il fatto è che il terreno paludoso è meno che nutriente. P
Quando pensi alla Florida, pensi subito alle palme. Tuttavia, non tutte le specie di palma fanno bene nelle regioni più fredde dello stato in cui le temperature possono scendere fino a 5 F. (-15 C.). Le palme di Pindo ( Butia capitata ) sono un tipo di palma che tollererà temperature più fresche e può persino essere trovata lungo la costa orientale fino alle Carolinas. Sc
Le piante di melograno sono semplici da coltivare e richiedono pochissima manutenzione. Il problema principale è con l'impollinazione del melograno. Questo ci porta alle domande: "I melograni hanno bisogno di un impollinatore?" O "Gli alberi di melograno si autoimpollinano?" Continuate a leggere per saperne di più sull'impollinazione dei melograni.
Una pianta di recente introduzione, le piante d'appartamento Homalomena sono il tesoro dei proprietari di case e dei paesaggisti interni, grazie alla loro facilità di cura, resistenza alle malattie e tolleranza di condizioni di scarsa illuminazione e stress. Continua a leggere per saperne di più sulla crescita delle piante Homealomena.
Il rosa mare, noto anche come pianta del mare, pianta da risparmio e parsimonia comune ( Armeria maritima ), è un sempreverde perenne a bassa crescita che è resistente nelle zone di resistenza alle piante da USDA 4 a 8. Crescenti rosa mare e come prendersi cura delle piante di risparmio è facile. Informazioni sull'impianto del mare Questo lento coltivatore produce bellissimi fiori rosa mare che sono di un rosa brillante, rosso, viola o bianco. Q
Le uve sono una coltura fantastica per climi freddi. Un sacco di viti può sopportare temperature molto basse, e il guadagno quando arriva la mietitura vale la pena. Tuttavia, le viti hanno diversi livelli di robustezza. Continua a leggere per saperne di più sulle varietà di uva resistente al freddo, in particolare su come raccogliere le uve per le condizioni della zona 4. V