Potatura dell'albero di guaiava - Come potare il mio albero di guava


Le guaiave sono un gruppo di alberi tropicali del genere Psidium che producono frutti deliziosi. La pasta di guava, il succo e le conserve sono importanti nelle cucine dei paesi dei Caraibi e del Sudest asiatico, e i frutti vengono consumati freschi o cotti. Oggi, la guava comune ( Psidium guajaba ) viene coltivata in luoghi distanti tra loro come Florida, Hawaii, India, Egitto e Tailandia. La potatura corretta di un albero di guava è una parte importante della sua cura. Se ti stai chiedendo come o quando potare gli alberi di guava, questo articolo è per te.

Come posso sfoltire il mio albero di guava?

Guava è un albero arbustivo che cresce densamente e cercherà di diffondersi orizzontalmente lungo il terreno. Puoi, quindi, scegliere di potare le guaiave sotto forma di un albero o di un cespuglio, o addirittura di farle crescere come una siepe.

Se si potare la guava in forma di cespuglio, i rami emergeranno da vicino al suolo. Se si allena il guava nella forma di un albero selezionando un tronco singolo, gli arti fruttiferi emergeranno da 2 piedi (0, 6 metri) da terra e verso l'alto. In entrambi i casi, è meglio non permettere al guava di diventare più alto di 10 piedi (3 metri), o potrebbe soffiare in caso di forte vento.

Ora impariamo come potare correttamente un guava per incoraggiare la sua crescita sana e massimizzare la produzione di frutta.

Tecniche di potatura dell'albero di guaiava

Tre tipi di tagli sono usati sugli alberi di guava: tagli sottili, ritorno e pizzicamento. Il diradamento aiuta a contrastare la crescita densa dell'albero per far entrare luce e aria nei rami interni, aiutandoli a rimanere sani e produttivi. Rende anche il frutto più facile da raggiungere. Per diluirlo, rimuovi semplicemente alcuni rami tagliandoli alla base.

Pizzicare significa rimuovere la punta crescente dei germogli. Andare indietro significa potare i singoli rami per ridurne la lunghezza. Queste tecniche ti permettono di controllare la diffusione orizzontale dell'albero. I fiori di guava crescono di nuovo, quindi questi tagli inducono l'albero a produrre più fiori e frutti.

È importante potare regolarmente gli alberi stabiliti per evitare che si diffondano lontano dal luogo di piantagione originale. Le guaiave sono diventate alberi invasivi in ​​alcune regioni della Florida, Hawaii e altrove. Rimuovi i polloni che appaiono alla base dell'albero o sopra le radici e taglia i rami che si sono propagati troppo lontano.

Quando potare gli alberi di Guava

Potare le guaiave da 3 a 4 mesi dopo la semina per addestrarle alla forma desiderata. Se stai potando il tuo a forma di albero, seleziona un tronco singolo e 3 o 4 rami laterali (laterali). Rimuovi tutti gli altri tiri. Pizzicare le punte dei rami laterali selezionati quando sono lunghi da 2 a 3 piedi (da 0, 6 a 0, 9 metri). Questo li incoraggerà a produrre ulteriori rami.

Dopo questo, pota il tuo albero di guava ogni anno per mantenere la sua simmetria e rimuovere la crescita eccessiva. La potatura della guaiava deve essere eseguita a fine inverno o all'inizio della primavera. Rami e polloni malati possono essere rimossi in qualsiasi momento dell'anno.

I coltivatori commerciali conducono anche una potatura "a ciclo colturale" severa per ritardare la fruttificazione su singoli alberi nella stagione successiva. Questa pratica consente a un impianto di produrre frutta per un periodo più lungo.

Articolo Precedente:
Cosa sono i raccolti trap? L'uso della coltura delle trappole è un metodo per implementare le piante esca per attirare i parassiti agricoli, solitamente insetti, lontano dalla coltura principale. Le piante delle trappole possono quindi essere trattate o distrutte per eliminare i parassiti indesiderati.
Raccomandato
Poche cose evocano i tropici come una palma. Coltivare palme all'aperto nei climi nordici può essere difficile a causa della loro intolleranza al gelo, ma alcuni, come la palma cavolo e le palme cinesi, sopravvivono a temperature di 15 gradi Fahrenheit (-9 ° C) quando sono maturi. I climi caldi scelgono le loro scelte per la palma.
Il bambù è un membro della famiglia dell'erba e una perenne tropicale, sub-tropicale o temperata. Fortunatamente, ci sono piante di bambù resistenti che possono essere coltivate in aree dove la neve e il ghiaccio invernale si verificano ogni anno. Anche i residenti della zona 6 possono coltivare con successo un elegante e grazioso supporto in bambù senza preoccuparsi che le loro piante cedano alle temperature rigide. Mo
Cuochi avidi e naturopati dilettanti che vivono nella zona 6, rallegratevi! Ci sono molte scelte di erbe per i giardini delle erbe della zona 6. Ci sono alcune zone resistenti che possono essere coltivate all'aperto e altre erbe più tenere possono essere portate in casa quando il tempo inizia a rilassarsi.
I cespugli di farfalle ( Buddleia davidii ) sono coltivati ​​per i loro lunghi pannocchie di fiori colorati e la loro capacità di attirare farfalle e insetti benefici. Fioriscono in primavera e in estate, ma la forma naturalmente attraente dell'arbusto e delle foglie sempreverdi mantengono la macchia interessante, anche quando non è in fiore. Ques
L'Ibisco del Texas Star è una varietà di ibisco che ama l'umidità e che produce fiori straordinari, a forma di stella, sia bianchi che brillanti. Continua a leggere per saperne di più sulla cura degli ibischi del Texas Star e su come far crescere le piante di ibisco del Texas Star nel giardino e nel paesaggio. Te
I nontiscordardime sono piante piccole, ma attenzione. Questa piccola pianta dall'aspetto innocente ha il potenziale per superare altre piante nel tuo giardino e minacciare le piante native oltre i tuoi recinti. Una volta che sfugge ai suoi confini, il controllo delle piante che non ti scordar di me può diventare una grande sfida.