African Violet Blight Control: trattamento delle Viole africane con Botrytis Blight


Conosciamo tutti la stagione del raffreddore e dell'influenza e quanto contagiose possano essere entrambe le malattie. Nel mondo vegetale, alcune malattie sono altrettanto diffuse e facili da passare da una pianta all'altra. La ruggine della Botrytis delle viole africane è una malattia fungina grave, specialmente nelle serre. Malattie fungine viola africane come queste distruggono le fioriture e possono attaccare altre parti della pianta. Riconoscere i sintomi può aiutarti a sviluppare un piano di attacco in anticipo e scatenare un focolaio tra le tue apprezzate violette africane.

Violette africane con Botrytis Blight

Le viole africane sono amate piante d'appartamento con fioriture dolci e foglie sfocate accattivanti. Le più comuni malattie della viola africana sono fungine. La ruggine da Botrytis colpisce molti tipi di piante ma è prevalente nella popolazione africana viola. Può anche essere chiamato marciume o muffa grigia, termini descrittivi che indicano i sintomi della malattia. Il controllo della ruggine africana viola inizia con l'isolamento delle piante, proprio come faresti con una malattia contagiosa potenzialmente letale negli animali e nell'uomo.

La Botrytis ruggine deriva dal fungo Botrytis cinerea . È più comune in situazioni in cui le piante sono affollate, la ventilazione non è sufficiente e vi è un'elevata umidità, in particolare brevi periodi in cui le temperature si raffreddano rapidamente. Colpisce molte piante ornamentali, ma nelle violette si chiama Botrytis blossom blight. Questo perché la ruggine della Botrytis delle violette africane è più evidente sui bei fiori e boccioli.

Se lasciato deselezionato, infierà sulla tua popolazione viola e distruggerà i fiori e alla fine la pianta. Conoscere i sintomi può aiutare a prevenire la diffusione della malattia ma, purtroppo, le violette africane con la ruggine della Botrytis potrebbero dover essere distrutte.

Sintomi di Botrytis Blight of African Violets

Malattie fungine africane come la Botrytis prosperano in condizioni umide. I segni della malattia iniziano con le fioriture che diventano petali grigi o quasi incolori e la crescita della corona centrale che è rachitica.

La progressione della malattia mostra un aumento dei corpi fungini con una crescita sfocata da grigia a marrone su foglie e steli. Piccole lesioni impregnate d'acqua si formeranno sulle foglie e sui gambi.

In alcuni casi, il fungo verrà introdotto in piccoli tagli o danni sulla pianta, ma attacca anche i tessuti sani. Le foglie appassiscono e si scuriscono ei fiori svaniscono e sembrano sciogliersi. Questo mostra un caso avanzato di peronospora Botrytis.

African Violet Blight Control

Le piante colpite non possono essere curate. Quando i sintomi della malattia infettano tutte le parti della pianta, devono essere distrutti ma non gettati nel contenitore del compost. Il fungo potrebbe essere in grado di rimanere nel compost, specialmente se non ha mantenuto una temperatura elevata.

Se il danno si presenta come minimo, rimuovere tutto il tessuto vegetale infetto e isolare la pianta. Trattare con fungicida. Se solo una pianta mostra segni, potresti essere in grado di salvare le altre viole. Trattare le piante inalterate con un fungicida come Captan o Benomyl. Impianti spaziali per aumentare la circolazione dell'aria.

Quando riutilizzate i vasi, disinfettateli con una soluzione di candeggina per prevenire la diffusione del fungo alle nuove piante. Le violette africane con il batterio Botrytis possono essere salvate se viene intrapresa un'azione rapida e la malattia non è dilagante.

Articolo Precedente:
L'Erianthus ravennae è ora nota come Saccharum ravennae , sebbene entrambi i nomi possano essere comunemente trovati in letteratura. Si chiama anche erba di elefante, erba di pampa rustica o (più comunemente) erba di ravenna. Non importa il nome, questa è una grande erba perenne originaria del Mediterraneo ma comunemente usata come pianta ornamentale. È
Raccomandato
Il linguaggio del landscape design può essere fonte di confusione. Cosa significano i paesaggisti quando dicono hardscape o softscape? Ci sono anche diversi tipi di designer di giardini: architetto paesaggista, imprenditore paesaggista, paesaggista, paesaggista. Qual è la differenza? Chi dovrei assumere?
Di Becca Badgett (Co-autore di Come coltivare un giardino di emergenza) Se stai cercando fioriture a lunga durata che si esibiscono durante i giorni più caldi della calura estiva, considera la possibilità di piantare il verbena ( Verbena officinalis ). Piantare la verbena, che sia di tipo annuale o perenne, assicura i fiori estivi quando è piantata nella zona più soleggiata e forse più secca del giardino. Se
La pianta del monaco è un fiore di campo erbaceo che si può trovare crescere nei prati di montagna in tutto l'emisfero settentrionale. La pianta prende il nome dalla forma del sepalo posteriore dei fiori, che ricorda i cappucci indossati dai monaci. Conosciuto anche come wolfsbane e Aconitum , il monkshood è diventato popolare come aggiunta al giardino grazie ai suoi fiori viola / blu e al fogliame attraente. I
L'aglio è un componente della maggior parte delle cucine internazionali. La popolarità dell'erba è una testimonianza dei suoi poteri e del suo sapore inebriante. Aggiungi un po 'di aglio a quasi tutti i piatti e si percepisce in modo percepibile. La propagazione della pianta d'aglio è una ricerca degna di nota per quelli di noi che hanno bisogno della nostra soluzione all'aglio. Bu
A volte, quando le piante sono giovani e piccole, le pianifichiamo in quella che riteniamo sarà la posizione perfetta. Mentre quella pianta cresce e il resto del paesaggio cresce intorno a lui, quella posizione perfetta potrebbe non diventare più così perfetta. O a volte ci spostiamo in una proprietà con un vecchio paesaggio invaso da piante che competono per spazio, sole, sostanze nutritive e acqua, soffocandosi a vicenda. In
Anni fa, prima di coltivare piante a scopo di lucro diventò un business, ogni casalinga sapeva come coltivare piante d'appartamento ebreo errante. I giardinieri avrebbero condiviso le talee dalla loro pianta d'ebreo errante ( Tradescantia pallida ) con i vicini e gli amici, e come gli ebrei di molto tempo fa, la pianta d'ebreo errante avrebbe viaggiato da un posto all'altro.