African Violet Blight Control: trattamento delle Viole africane con Botrytis Blight


Conosciamo tutti la stagione del raffreddore e dell'influenza e quanto contagiose possano essere entrambe le malattie. Nel mondo vegetale, alcune malattie sono altrettanto diffuse e facili da passare da una pianta all'altra. La ruggine della Botrytis delle viole africane è una malattia fungina grave, specialmente nelle serre. Malattie fungine viola africane come queste distruggono le fioriture e possono attaccare altre parti della pianta. Riconoscere i sintomi può aiutarti a sviluppare un piano di attacco in anticipo e scatenare un focolaio tra le tue apprezzate violette africane.

Violette africane con Botrytis Blight

Le viole africane sono amate piante d'appartamento con fioriture dolci e foglie sfocate accattivanti. Le più comuni malattie della viola africana sono fungine. La ruggine da Botrytis colpisce molti tipi di piante ma è prevalente nella popolazione africana viola. Può anche essere chiamato marciume o muffa grigia, termini descrittivi che indicano i sintomi della malattia. Il controllo della ruggine africana viola inizia con l'isolamento delle piante, proprio come faresti con una malattia contagiosa potenzialmente letale negli animali e nell'uomo.

La Botrytis ruggine deriva dal fungo Botrytis cinerea . È più comune in situazioni in cui le piante sono affollate, la ventilazione non è sufficiente e vi è un'elevata umidità, in particolare brevi periodi in cui le temperature si raffreddano rapidamente. Colpisce molte piante ornamentali, ma nelle violette si chiama Botrytis blossom blight. Questo perché la ruggine della Botrytis delle violette africane è più evidente sui bei fiori e boccioli.

Se lasciato deselezionato, infierà sulla tua popolazione viola e distruggerà i fiori e alla fine la pianta. Conoscere i sintomi può aiutare a prevenire la diffusione della malattia ma, purtroppo, le violette africane con la ruggine della Botrytis potrebbero dover essere distrutte.

Sintomi di Botrytis Blight of African Violets

Malattie fungine africane come la Botrytis prosperano in condizioni umide. I segni della malattia iniziano con le fioriture che diventano petali grigi o quasi incolori e la crescita della corona centrale che è rachitica.

La progressione della malattia mostra un aumento dei corpi fungini con una crescita sfocata da grigia a marrone su foglie e steli. Piccole lesioni impregnate d'acqua si formeranno sulle foglie e sui gambi.

In alcuni casi, il fungo verrà introdotto in piccoli tagli o danni sulla pianta, ma attacca anche i tessuti sani. Le foglie appassiscono e si scuriscono ei fiori svaniscono e sembrano sciogliersi. Questo mostra un caso avanzato di peronospora Botrytis.

African Violet Blight Control

Le piante colpite non possono essere curate. Quando i sintomi della malattia infettano tutte le parti della pianta, devono essere distrutti ma non gettati nel contenitore del compost. Il fungo potrebbe essere in grado di rimanere nel compost, specialmente se non ha mantenuto una temperatura elevata.

Se il danno si presenta come minimo, rimuovere tutto il tessuto vegetale infetto e isolare la pianta. Trattare con fungicida. Se solo una pianta mostra segni, potresti essere in grado di salvare le altre viole. Trattare le piante inalterate con un fungicida come Captan o Benomyl. Impianti spaziali per aumentare la circolazione dell'aria.

Quando riutilizzate i vasi, disinfettateli con una soluzione di candeggina per prevenire la diffusione del fungo alle nuove piante. Le violette africane con il batterio Botrytis possono essere salvate se viene intrapresa un'azione rapida e la malattia non è dilagante.

Articolo Precedente:
Di Nikki Tilley (Autore del giardino Bulb-o-licious) Alla ricerca di una nuova aggiunta al giardino fiorito? Prova la scabiosa, conosciuta anche come fiore a puntaspilli. Questa pianta di facile manutenzione funziona bene ovunque e i suoi fiori interessanti sono uno spettacolo da non perdere. Sono particolarmente attraenti per le farfalle
Raccomandato
Un membro della famiglia Hibiscus, la rosa di Sharon è generalmente un arbusto deciduo a bassa manutenzione e affidabile per il paesaggio. Tuttavia, a volte, come giardinieri, le cose che facciamo per aiutare le nostre piante possono effettivamente danneggiarle. Ad esempio, la rosa degli arbusti di Sharon può essere molto sensibile all'eccessivo concimazione.
Tre mila anni fa, i giardinieri coltivavano papaveri orientali e i loro cugini Papaver in tutto il mondo. Le piante di papavero orientale ( Papaver orientale ) sono rimaste da allora un giardino preferito. Una volta piantati, non richiedono cure particolari e durano per molti anni. Il loro originale colore rosso-arancio vivace è ancora il più popolare per la coltivazione, anche se i papaveri orientali sono disponibili in una varietà di colori che abbinano o fondono la combinazione di colori di qualsiasi giardino. C
Poche piante rappresentano meglio i climi caldi rispetto alle bouganville, con le sue brattee luminose e la crescita rigogliosa. Molti proprietari di buganvillea possono trovarsi in perdita quando improvvisamente la loro sana vite di bouganville sembra come se un misterioso intruso notturno abbia mangiato via tutte le foglie
Di Nikki Tilley (Autore del giardino Bulb-o-licious) Per ulteriore interesse nel paesaggio, prendi in considerazione la coltivazione di ippocastani. Sono perfetti per aggiungere dramma sia in piedi da solo come un esemplare di piantagione o tra gli altri alberi come una piantagione di confine. Cosa sono le castagne d'Ippocastano
Komatsuna potrebbe essere la verdura più sottovalutata di sempre. Che cos'è komatsuna, chiedi? Oserei dire che molti di noi non hanno mai sentito parlare di crescenti komatsuna verdi; Non l'avevo fatto. Quando ho letto su di loro, ho iniziato a chiedermi che sapore ha il komatsuna e come lo coltivi.
La crescita del dragoncello all'interno consente un facile accesso all'erba e protegge dalle temperature fredde. Il dragoncello è solo un mezzo duro e non si comporta bene se esposto al gelo invernale. Ci sono alcuni consigli per imparare a far crescere il dragoncello in casa. Le erbe generalmente amano il terreno secco, la luce brillante e le temperature vicine a 70 F.